I n f o r m a z i o n i
(data ultimo aggiornamento: 24.02.2014)

Targa all'ingresso del compendio immobiliare.
Torre La Cerniola è un'antica costruzione saracena, attorniata da terrazze e rocce che si estendono fino a gettarsi nelle acque blu del mare, in uno dei punti più suggestivi e ameni del golfo di Salerno. Da tre generazioni appartiene alla famiglia Accarino di Cava de' Tirreni. Il contratto di vendita tra il R. Podestà del Comune di Maiori Cav. Carlo D'Amato e l'acquirente signor Alberto Accarino (Cava de' Tirreni 1898 - 1957) fu stipulato il 23.01.1937. Il prezzo d'acquisto fu stabilito in lire diecimila. Attuali comproprietari sono Riccardo, ultimo figlio superstite di Alberto, e i germani Alberto e Armando, nipoti dell'acquirente e figli del compianto dott. Adolfo Accarino (Cava de' Tirreni 1938 - 2011), alla cui amorevole cura e alla cui appassionata dedizione si deve l'eccellente stato di conservazione dell'antico manufatto.


Vista dell'angolo Sud/Est di Torre La Cerniola.
Torre La Cerniola assolveva a compiti sia di sbarramento degli sbarchi dei corsari che di segnalazione del pericolo alle vicine torri di Capo Tomolo e Cetara. Dal punto di vista architettonico, ha base quadrata e struttura a quattro troniere con pareti a scarpata. La garitta che la sormonta è stata parzialmente ricostruita, in conformità alle caratteristiche d'origine, e attualmente ospita la zona notte e i servizi.


Torre di Capo Tomolo (orig. Capo Tummolo) e retrostante collina.
A ovest di Torre La Cerniola si erge la torre di Capo Tomolo, attualmente in rovina. Essa è costituita da due costruzioni di epoca diversa. Una prima edificazione, risalente al periodo angioino, ha pianta circolare e forma tronco-conica. La porzione aggiunta posteriormente, in epoca vicereale, ha forma irregolare, con base di forma trapezoidale.


Terrazza della baia di Glauco e torre di Capo Tomolo.
Alle spalle della torre di Capo Tomolo vi è l'area, attualmente abbandonata, che per lunghi anni ha ospitato una cava di pietra. Il materiale che vi si estraeva veniva caricato su navi ormeggiate nella baia di Erchie e via mare trasportato agli stabilimenti di lavorazione. Nelle pareti della collina che sovrasta la torre di Capo Tomolo sono ben visibili i segni delle remote attività estrattive.


Torre di Cetara.
A est di Torre La Cerniola si erge la torre di Cetara, costituita da tre costruzioni di epoca diversa. Una prima edificazione, risalente al periodo angioino, ha forma tronco-conica su base ovoidale ed è sormontata da un corpo cilindrico. La porzione aggiunta posteriormente, in epoca vicereale, ha base quadrata ed è caratterizzata da doppia altezza, con quattro troniere rivolte verso il mare. Dopo il 1817, nuovi corpi sono stati aggiunti in sopraelevazione, a doppio livello, funzionalmente ad esigenze abitative ad uso privato.


Vista dai finestroni.
Il salone di Torre La Cerniola ha tre ampie finestre con vista mare, rispettivamente affacciate a ovest, con vista sulla baia di Erchie e verso la torre di Capo Tomolo, a sud, con vista sulla terrazza del leone e verso il golfo di Salerno, e a est, con vista sulla baia di Glauco e verso la torre di Cetara.

 

Torre La Cerniola Home

| Informazioni | Cenni storici | Brochure PDF | Fotodiario | Il logo | La pagina Twitter |
| Fotogallery | Dove siamo | Planimetria | I nostri tweets | Il motto | Alberto Accarino |

Via Marina snc, 84010 Erchie di Maiori (SA)